LE QUATTRO STRADE PER LA MILANO DEL FUTURO

Davide Agazzi, Matteo Brambilla e Stefano Daelli sono tre professionisti che dopo aver lavorato come policy maker nella pubblica amministrazione hanno iniziato a occuparsi dello sviluppo urbano sotto diverse prospettive.

La loro riflessione parte da Milano, qui la situazione non è certo rosea, con un aumento della soglia di povertà, buona parte degli esercizi commerciali ancora chiusi per lockdown e zone della città completamente spopolate. Quale sarà, quindi, il futuro di Milano? Al vaglio delle possibilità vi sono 4 ipotesi plausibili.

#1 ACROPOLI: club privato, paradiso terrestre, esclusiva delimitata, stimolante e cosmopolita

Milano è da sempre città di stimoli e di lodevoli iniziative sotto molti punti di vista: eventi, design, internazionalità. Un futuro in stile Acropoli moderna non sarebbe poi così inimmaginabile.

#2 IRREGOLARE: terreno abbandonato di sperimentazione e conquista, informale ed imprevedibile

Milano come terra di conquista? La decadenza italiana è famosa, ma Milano si è sempre distinta per innovazione e sguardo al futuro.

#3 LEGGERA: città su richiesta, senza legami, connessa, veloce e funzionale

Caratteristiche che la città già possiede. Veloce ed efficiente, su tutte, sono i valori di questo punto su cui Milano è e resterà vera maestra.

#4 CONTRADA: città dei quartierini, provinciale, vicina, attiva, cordiale, controllata, decorosa, omologante, conservatrice

Come immaginare un futuro diverso da quello che Milano già possiede? Attivismo, cordialità e una sana dose di conservatorismo sono le doti che potrebbero essere sviluppate in un prossimo futuro.

Fonte:

https://segnalidalfuturo.substack.com/p/numero4N

Davide Agazzi, Matteo Brambilla, and Stefano Daelli are three professionals, who have started to deal with urban development.

Their reflection starts from Milan, where the situation is certainly not the best, with an increase in the poverty line and most of the shops still closed due to lockdowns.

What, then, will be the future of Milan? There are 4 plausible hypotheses to examine:

# 1 ACROPOLIS: private club, paradise on earth, limited exclusive, stimulating and cosmopolitan.

Milan has always been a city of stimuli and praiseworthy initiatives from many points of view: events, design, internationality. A modern Acropolis-style future wouldn’t be all that unimaginable.

# 2 IRREGULAR: abandoned ground of experimentation and conquest, informal and unpredictable

Milan as a land of conquest? Italian decadence is famous, but Milan has always stood out for innovation and an eye to the future.

# 3 LIGHT: city on-demand, without ties, connected, fast and functional.

Features that the city already has. Fast and efficient, above all, are the values ​​of this point on which Milan is and will remain a true teacher.

# 4 CONTRADA: city of neighborhoods, provincial, close, active, friendly, controlled, decent, standardizing, conservative.

How to imagine a future different from the one that Milan already has? Activism, friendliness, and a healthy dose of conservatism are the qualities that could be developed shortly.

References:

https://segnalidalfuturo.substack.com/p/numero4

0 replies

Leave a Reply

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

fourteen − 8 =